In Diario

Postilla sulla LEGGE DI BILANCIO nella riforma costituzionale

Come segnala Lina Palmerini sul Sole 24 ore di oggi nel nuovo art. 70 c’è un problema relativo alle leggi di bilancio. Nella procedura legislativa ‘intermedia’ (quella in cui la Camera deve riapprovare a maggioranza assoluta se il Senato boccia a maggioranza assoluta; intermedia rispetto agli estremi delle leggi che rimangono paritari e a quelle a prevalenza normale Camera) vi è un richiamo sia all’art. 81 quarto comma sia al 119. Il risultato finale di questo doppio e combinato richiamo, soprattutto a causa dell’estensione dell’art. 119, e in particolare del primo comma, porta le leggi di bilancio dentro quella procedura.
Sarebbe quindi sufficiente un dissenso anche soft (sotto forma di assenza, astensione o non partecipazione al voto) alla Camera di pochi deputati della maggioranza, più attenti alle esigenze territoriali che a quelle politiche generali, per portare a rischi seri sugli equilibri della finanza pubblica. Qui si tratta di scelte tipicamente connesse all’indirizzo politico e al rapporto fiduciario, quindi bisognerebbe riportare anche quel richiamo all’art. 119 alla procedura con prevalenza semplice della Camera. Niente di drammatico, però è necessario porci mano per tempo.

Recent Posts

Leave a Comment

Contatti

Scrivi una mail a stefano

Not readable? Change text. captcha txt