In Diario

Jobs Act:Boeri, opportunita’ ma armonizzarlo con altre misure
Risorse legge stabilita’ per ammortizzatori sociali non bastano (ANSA) – ORVIETO (TERNI), 15 NOV – Il Jobs Act “e’ un opportunita’ unica, condivisibile nei principi generali” ma “un passaggio fondamentale sara’ quello delle norme attuative. Occorre che i provvedimenti presi siano coerenti con le altre misure che il governo vuole intraprendere”. E’ quanto sottolinea l’economista Tito Boeri intervenendo alla XV Assemblea dell’associazione ‘Liberta’ eguale’, ad ORVIETO. Secondo Boeri alcuni punti del Jobs Act rischiano di contrapporsi, nella loro filosofia, ad altre misure prese dal governo in questi mesi. Il principio delle tutele crescenti, per esempio, rischia di incrociarsi con la “grandissima decontribuzione dei contratti a tempo determinato prevista dalla legge di stabilita’ a seguito del decreto Poletti, spiega Boeri rimarcando “la contraddizione” di questo punto “con l’idea progressiva di evitare discontinuita’ che e’ propria del contratto a tutele crescenti. Sono incongruenze che vanno affrontate”, prevedendo una “piu’ ripida” crescita delle tutele o una decontribuzione meno forte. Un ulteriore rischio, osserva l’economista, potrebbe derivare dalla “simmetria” propria dei licenziamenti disciplinari ed economici, con questi ultimi eliminati dalla riforma del lavoro. Per evitarlo occorre che le “fattispecie per i disciplinari vadano rigidamente circoscritte”, sottolinea Boeri, toccando un ultimo punto: “temo che le risorse nella legge di stabilita’ siano insufficienti” per l’estensione degli ammortizzatori sociali. “La legge di stabilita’ comporta 1,5 miliardi, per una riforma seria di ammortizzatori sociali occorrono risorse piu’ consistenti”. (ANSA). KZ2 15-NOV-14 12:27 NNNN

Recent Posts

Leave a Comment

Contatti

Scrivi una mail a stefano

Not readable? Change text. captcha txt