In Senza categoria

V LEZIONE 05.03.2024

 

Affrontiamo oggi in modo organico la parte relativa alle Forme di governo per giungere poi a quella portoghese in vista di domani (Amato-Clementi II e III; Frosini Cap. V, in particolare par. 6-8).

 

Ricordo anzitutto lo schemino logico di facile memorizzazione delle 4 tipologie oggi esistenti a seconda di come rispondono alla due variabili: rapporto fiduciario sì/no, elezione diretta del Capo dello Stato sì/no

Sì rf Sì ed forma semipresidenziale

No rf No ed forma direttoriale

No rf Sì ed forma presidenziale

Sì rf No ed forma parlamentare

Il primo Manuale, come già segnalato, propone anzitutto una riflessione storica e inizia dalla monarchia costituzionale pura (su cui torna poi a pag. 44) in cui non c’è ancora il rapporto fiduciario, ma solo dei limiti che i Parlamenti pongono ai Governi del Re. L’unico elemento di raccordo è la messa in stato di accusa dei Ministri del re, accusati dalla Camera bassa e giudicati da quella alta.

Questa forma non esiste più, è una forma cessata, ma ci serve perché da essa trae origine la forma di governo presidenziale, che ne rappresenta la versione ‘democratizzata’ con un Presidente eletto in modo sostanzialmente diretto, sia pure attraverso la mediazione di ‘ grandi elettori’, scelti direttamente dai cittadini dalla Guerra di Secessione) al posto del Re, soggetto a possibile impeachment, sia pure alla maggioranza di due terzi del Senato, soglia difficilmente raggiungibile. Attenzione: la logica dei sistemi contemporanei a separazione delle istituzioni, esaltando i poteri di veto, tende al compromesso. Non ingannino quindi le formule elettorali (maggioritarie nel caso degli Usa): la logica è compromissoria, soprattutto in presenza di maggioranze diverse, di ‘governo diviso’ (Manuale Frosini, p. 136)

La monarchia costituzionale pura tende ad evolvere in governo parlamentare, in cui il Governo è “emanazione permanente” del Parlamento, in cui si ha un continuum tra maggioranza e Governo, cosa che si concretizza nella possibilità di sfiduciare l’esecutivo (o tramite apposite mozioni o facendo venire comunque meno la maggioranza).

A seconda del sistema politico su cui poggia la forma di governo (sistema politico definito ‘condizionante’ della fdg) si avrànno due sottotipologie della forma parlamentare

o l’esito inglese in caso di sistemi bipartitici o bipolari (Governo di gabinetto, col Governo quale comitato direttivo della maggioranza, di norma di legislatura, legittimato di fatto dal corpo elettorale come si dice a pag. 18, anche perché il potere di scioglimento, di indire elezioni anticipate dal 1834  slitta dal Re al Premier; è quello che Duverger chiama il neo-parlamentarismo o parlamentarismo maggioritario in cui il rapporto fiduciario che giuridicamente ha sede in Parlamento, politicamente sorge dal voto degli elettori); a questo esito sono giunte anche la Germania e la Spagna (Manuale Frosini pp. 139-140)

lo schema di questo sottotipo neo-parlamentare  è quindi: corpo elettorale-maggioranza parlamentare-Governo tendenzialmente di legislatura;

o, con un sistema multipolare, l’esito francese della III Repubblica (pag. 45) Governo assembleare, dipendente dalle alterne combinazioni di maggioranza, anche perché dal 1877 il Presidente perde il potere di scioglimento che nessuno eredita (per Duverger archeo-parlamentarismo, vetero-parlamentarismo)

lo schema di questo sottotipo vetero-parlamentare è quindi maggioranza parlamentare-Governo di breve durata

Nei sistemi multipolari si possono dare anche casi di Grandi coalizioni permanenti o comunque lunghe per evitare che parti di un Paese in cui siano presenti profonde fratture trovandosi fuori dal Governo si sentano fuori dallo Stato: si tratta delle democrazie consociative di cui si parla a p. 66. Le consociazioni stabili (praticate ad es. per decenni in Austria) sembrano però ormai tramontate.

Questo è invece nei fatti il funzionamento della forma di governo direttoriale svizzera, a collaborazione solo iniziale dei poteri e quindi a regime a separazione delle istituzioni; una volta eletto il Governo dal Parlamento in seduta comune non sono più possibili né sfiducia né scioglimento. Nel Governo vengono associati i responsabili di tutti i principali partiti, mentre decisioni a maggioranza vengono prese per via referendaria. Come nella presidenziale la logica è di compromesso, non di una maggioranza che si contrappone a opposizione e minoranze (Manuale Frosini p. 141

Con l’esperienza della Quinta Repubblica francese in cui di norma il Presidente della Repubblica eletto direttamente (dal 1962) è il vero capo dell’esecutivo (salvi i casi di coabitazione, di maggioranza parlamentare a lui opposta, ormai improbabili dopo la parificazione dei mandati di Presidente e parlamento a cinque anni nel 2000 a valere dal 2002 e con le elezioni parlamentari poste in sequenza) buona parte degli studiosi ritengono sia nata una quarta forma di governo, semi-presidenziale, caratterizzata  da rapporto fiduciario (come nella parlamentare), dall’elezione diretta (come negli Usa).

Qui si aprono però una serie di dilemmi a cui gli studiosi danno risposte diverse (si veda il Manuale Frosini alle pp. 137-138) :

Essa, che è una variante democratizzata dell’ orleanismo (quell’equilibrio che prima in forma monarchica dal 1830 e poi con repubblicana nelle leggi costituzionali del 1875 vedeva in sostanza in equilibrio la dipendenza del Governo dai due pilastri del capo dello Stato e del Parlamento) è una variante della forma parlamentare, visto che comunque il Governo dipende dalla maggioranza parlamentare oppure è una quarta forma a se stante perché il vertice dell’indirizzo politico è di norma il Presidente? Personalmente ritengo preferibile la seconda alternativa;

se esiste una forma semipresidenziale quali sono i casi che vi rientrano? Bastano solo elezione diretta e rapporto fiduciario o occorre anche qualche potere particolarmente incisivo come lo scioglimento discrezionale del Parlamento? Anche qui ritengo preferibile la seconda alternativa;

una volta stabilito chi vi rientra sulla base di queste caratteristiche giuridiche, va detto che solo in Francia, a causa dell’imprinting costituzionale, il Presidente è il vertice dell’indirizzo politico, mentre negli altri Paesi prevalgono i Primi Ministri.

In vista di domani vediamo gli articoli-chiave del testo portoghese, che trovate per intero qui:

http://bit.ly/3Y6Aqe7

 Gli articoli 121 e 126 prevedono l’elezione del Presidente con formula majority;

il 140 prevede la controfirma solo per pochi atti, non per nomina e scioglimento;

il 172 sul potere di scioglimento;

il 187 sulla nomina del Governo tenendo conto dei risultati elettorali;

il 192 sull’approvazione del programma di governo con quorum negativo della maggioranza assoluta;

il 193 con la questione di fiducia;

il 194 sulla sfiducia;

il 195.2 sulla revoca del Primo Ministro per assicurare il regolare funzionamento delle istituzioni;

nonché il 149 che costituzionalizza la formula elettorale, favorendo un certo grado di sovrarappresentaizone dei partiti maggiori perché non si redistrbuiscono i resti sul piano nazionale.

Qui trovate la scheda di wikipedia sulle elezioni di domenica:

https://it.wikipedia.org/wiki/Elezioni_legislative_in_Portogallo_del_2024

e qui quella sulle precedenti elezioni del 2022

https://it.wikipedia.org/wiki/Elezioni_legislative_in_Portogallo_del_2022

da notare che il Ps prese il 52,2% dei seggi col 41,4 dei voti e il Psd il 31,3% dei seggi col 27,7% dei voti.

Qui la serie storica di Europe Elects e l’evoluzione dei sondaggi

https://europeelects.eu/portugal/

 

E’ un sistema simile nella struttura e negli effetti a quello spagnolo: i partiti grandi sonosovrarappesentati, vari partiti minori godono di un diritto di tribuna perché a Lisbona e Porto riescono facilmente a prendere almeno un seggio; i partiti intermedi sono sottorappresentati a meno che non abbiano i voti territorialmente concentrati.

 

 

 

 

 

 

Recent Posts

Leave a Comment

Contatti

Scrivi una mail a stefano

Not readable? Change text. captcha txt