In Documenti

ELEZIONI POLITICHE 24-25 FEBBRAIO 2013
Analisi dell’Istituto Carlo Cattaneo
Chi ha vinto, chi ha perso, e dove
L’Istituto Cattaneo ha esaminato l’andamento del voto ai partiti nelle elezioni politiche appena
concluse. I dati del 2013 sono stati messi a confronto con le consultazioni analoghe del 2008.
Il dato nazionale indica che i due principali partiti nati dalle aggregazioni del 2007 e 2008, Partito
democratico (Pd) e Popolo della libertà (Pdl) hanno perso rispettivamente il 30% e circa la metà
dell’elettorato che li aveva scelti nel 2008.
In particolare (tab. 1) il Pd nel 2013 ha perso 3.435.958 voti rispetto alle precedenti elezioni
politiche, pari a una contrazione del 28% (-28,4%). Il calo è stato significativo e diffuso
sull’intero territorio nazionale, ma con picchi superiori alla media nelle regioni meridionali (-37%
rispetto al 2008) e del Centro. In particolare, la perdita più importante si è avuta in Puglia (-
44,8%), Basilicata e Calabria (-39,4%), Abruzzo (-36,5%). In generale, il partito di Bersani
subisce un arretramento considerevole lungo tutta la dorsale adriatica, ossia nell’area
economicamente più dinamica del Centro-Sud. In controtendenza va il dato del Molise, unica
regione dove il Pd ha migliorato la sua posizione guadagnando circa 7.000 voti, pari al 20% in più.
Perdite ‘minori’, comunque nell’ordine di oltre 1/5 dell’elettorato del 2008, si sono altresì registrate
nelle regioni settentrionali. Anche la ‘zona rossa’ ha conferito al Pd un numero assai minore di
consensi, pari a un declino di oltre un quarto dei voti del 2008 (-26,3%).
Il Pdl ha subito una riduzione dei consensi tra il 2008 e il 2013 pari a quasi il 50% (-46%, –
6.296.744 voti). In particolare nelle regioni centrali della penisola il partito di Berlusconi ha visto
ridursi il proprio elettorato esattamente della metà (-50,1%), mentre nel resto delle aree considerate
la variazione si è attestata tra il -44% e il -48%. L’unica area in cui il Pdl ha ‘contenuto’ la sconfitta
è stato il Nord-est, patria del «forzaleghismo», in cui la riduzione dei voti è stata inferiore al 40% (-
39% in media, -34% in Veneto).
La Lega Nord ha perso oltre la metà dei consensi raccolti nel 2008 (-54%, -1.631.982 voti) con
una riduzione molto superiore alla media nelle regioni della ‘zona rossa’ (-68%), area in cui il
partito di Bossi si era esteso proprio in occasione della vittoria di Berlusconi mostrando una
capacità di penetrazione a Sud del Po. L’evoluzione è stata più negativa nelle roccaforti del Nordest
(-61%), mentre nel Nord-ovest (-49%) il forte declino in Piemonte (-64,3 %) e Liguria (-68%) è
stato solo parzialmente compensato da una perdita minore in Lombardia (“solo” il 44,2% in meno)
(tab. 2).
Per quanto riguarda l’area politica di Sinistra radicale (nel 2008 Sinistra Arcobaleno, Pcl,
Sinistra critica, Alternativa Comunista, nel 2013 Rivoluzione civile, Sel e Pcl), è possibile rilevare
una crescita, sebbene contenuta, di voti. L’aumento di consensi a questo insieme di forze è
plausibilmente da ascrivere al risultato estremamente negativo del 2008, quando la débacle della
Sinistra arcobaleno non permise di accedere alla rappresentanza parlamentare. L’avanzamento è
stato di 400.000 votanti, pari a circa il 30% in più. Dal punto di vista geografico la progressione
maggiore si è registrata al Sud, probabilmente in ragione dell’insediamento in aree vicine
all’influenza di Vendola e della lista promossa dal sindaco di Napoli, De Magistris. Il risultato è
stato invece assai meno favorevole al Nord, e in particolare nelle regioni del Nord-ovest, dove
la crescita si è limitata a poche migliaia di voti in più rispetto al risultato molto negativo del 2008
(tab. 2).
I partiti riconducibili all’area politica della Destra (nel 2008 Forza Nuova e La Destra, nel 2013
La Destra, Casa Pound, Fiamma Tricolore, Rifondazione Missina e Forza Nuova) sono passati da
quasi 1 milione di voti a poco più di 400.000. La perdita è stata quindi considerevole, in media del
60%, più marcata nelle regioni del Nord rispetto al Centro-Sud.
La nuova aggregazione di Centro, guidata da Mario Monti, ottiene poco meno di 2 milioni di
voti (1.924.281), dei quali quasi la metà (812.136) concentrati nel Nord-Ovest e solo una minima
parte al Sud. In generale il partito di Monti, che ha ereditato il consenso politico dell’Udc
moltiplicandolo, mostra un baricentro assai differente da quello del partito di Casini. Le regioni in
cui cresce maggiormente (rispetto all’Udc del 2008) sono infatti il Trentino – Alto Adige (+252,5%)
la Lombardia (+207,9%), la Liguria (+172,5%), ma in tutto il Nord avanza più nettamente
rispetto al dato medio nazionale.
Infine, l’ultimo e più importante dato è quello del Movimento 5 stelle, non presente nel 2008 (e
quindi non riportato nelle tabelle delle variazioni). I consensi ottenuti dal partito sono stati circa
8.700.000 (per l’esattezza 8.689.168), distribuiti abbastanza equamente su tutto il territorio
italiano. E’ questo un dato di grande importanza, se si considera che la capacità di insediamento
elettorale del Movimento sino a pochi mesi fa appariva limitata solo ad alcune regioni del Nord. Di
fatto, il partito di Grillo conquista oltre 2.400.000 milioni di voti al Sud, circa 2.150.000 nelle
regioni del Nord-Ovest e 1.600.000 voti nella “zona rossa”. La regione che guida la graduatoria
dei consensi è la Lombardia (1.130.704), seguita dal Lazio (928.175) e dalla Sicilia (842.617).
Tab. 1 Variazioni dei voti assoluti per regione. Elezioni 2008 e 2013
Centro Destra Ln Pd PdL Sinistra
Piemonte 201.439 -63.226 -220.577 -241.714 -429.308 3.632
Liguria 65.264 -21.552 -46.518 -117.044 -192.801 3.333
Lombardia 543.330 -105.078 -586.959 -259.845 -867.054 -6.763
Veneto 245.309 -46.465 -520.421 -184.122 -288.948 5.141
Emilia-Romagna 164.459 -57.254 -148.726 -292.874 -367.405 24.022
Toscana 109.947 -52.303 -32.089 -279.002 -361.058 18.306
Umbria 29.359 -17.562 -6.331 -81.870 -92.254 2.480
Marche 48.905 -27.336 -15.160 -148.082 -180.023 10.783
Lazio 150.231 -40.246 5.309 -427.631 -751.122 72.578
Abruzzo 25.076 -17.012 1.407 -101.222 -158.607 16.748
Molise 10.433 -2.192 343 7.269 -32.406 11.359
Campania 130.338 -19.881 8.972 -321.577 -773.999 59.464
Puglia 50.428 -30.909 1.457 -330.961 -449.374 112.003
Basilicata 13.340 -3.300 382 -51.738 -66.148 11.472
Calabria 14.072 -9.593 2.205 -136.539 -215.066 24.116
Sicilia -40.585 -39.361 4.750 -251.084 -650.962 43.873
Sardegna 36.699 -1.680 1.327 -121.317 -226.772 19.986
Friuli -Venezia Giulia 59.271 -16.607 -51.035 -61.197 -130.573 1.983
Trentino -Alto Adige 64.863 -6.651 -32.702 -49.748 -62.864 8.776
Valle d’Aosta 2.103 443 2.384 14.340 – –
Nord-ovest 812.136 -189.413 -851.670 -604.263 -1.489.163 202
Nord-est 369.443 -69.723 -604.158 -295.067 -482.385 15.900
Zona rossa 352.670 -154.455 -202.306 -801.828 -1.000.740 55.591
Centro 212.006 -68.938 8.043 -650.170 -1.136.501 109.312
Sud 178.026 -105.236 18.109 -1.084.630 -2.187.955 262.287
Italia 1.924.281 -587.765 -1.631.982 -3.435.958 -6.296.744 443.292
Legenda:
Nord Ovest: Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Liguria
Nord Est:Veneto, Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia
Zona rossa: Emilia-Romagna, Toscana, Marche, Umbria
Centro: Abruzzo, Lazio, Sardegna
Sud: Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia
Tab. 2 Variazioni percentuali dei voti per regione. Confronto 2008-2013
Centro Destra Ln Pd PdL Sinistra
Piemonte 142,5 -72,8 -64,3 -27,3 -45,9 2,9
Liguria 172,5 -80,1 -68,0 -31,1 -52,5 6,4
Lombardia 207,9 -72,1 -44,2 -15,0 -42,1 -2,8
Veneto 143,3 -64,5 -62,7 -22,7 -34,5 5,6
Emilia-Romagna 137,3 -71,5 -68,3 -22,8 -45,8 20,1
Toscana 111,5 -68,4 -66,4 -25,1 -48,2 13,0
Umbria 114,8 -76,0 -67,3 -32,7 -47,4 8,9
Marche 81,7 -68,5 -70,3 -36,6 -52,6 24,9
Lazio 90,6 -28,9 – -33,5 -49,8 47,5
Abruzzo 51,7 -55,3 – -36,5 -46,1 45,4
Molise 91,0 -53,8 – 20,6 -45,0 207,9
Campania 60,0 -35,5 – -33,0 -47,2 50,8
Puglia 26,6 -52,6 – -44,8 -41,3 121,8
Basilicata 56,9 -42,1 – -39,4 -52,8 72,0
Calabria 16,1 -36,5 – -39,4 -49,1 50,9
Sicilia -15,3 -65,0 – -34,9 -49,4 45,4
Sardegna 67,1 -68,3 – -34,2 -54,6 46,1
Friuli -Venezia Giulia 128,7 -65,1 -51,3 -25,6 -49,3 6,4
Trentino -Alto Adige 252,5 -53,5 -56,3 -33,0 -48,7 38,1
Valle d’Aosta – – – – – –
Nord-ovest 184,4 -73,0 -49,0 -20,2 -44,3 0,0
Nord-est 152,1 -63,4 -61,1 -24,5 -39,1 10,9
Zona rossa 116,1 -70,3 -68,1 -26,3 -47,9 16,8
Centro 78,8 -36,9 – -34,1 -50,1 46,9
Sud 22,4 -48,3 – -36,8 -46,8 70,0
Italia 93,9 -59,1 -54,0 -28,4 -46,2 29,5
Analisi a cura di
Gianluca Passarelli
Dario Tuorto
per ulteriori informazioni
cell: 3339775111; 3403867528
Fondazione di ricerca Istituto Carlo Cattaneo
Tel. 051235599 / 051239766
Sito web: www.cattaneo.org

Recent Posts

Leave a Comment

Contatti

Scrivi una mail a stefano

Not readable? Change text. captcha txt