In Senza categoria

Su Usa-Ue Fabbrini sul Sole e Taino sul Corsera

P. Pasquino sugli Usa
http://www.libertaeguale.it/to-impeach-or-not-to-impeach/

Sull’erede della Merkel Mastrobuoni su Repubblica e Bufacchi sul Sole

Censura nella Chiesa polacca
https://www.thetablet.co.uk/news/13745/polish-church-evicts-liberal-journal-after-criticism

Fusaro e Occhetta, con grande equilibrio, sul Governo (da leggere anche Molinari su Repubblica)
http://www.libertaeguale.it/crisi-ecco-cosa-puo-succedere-dopo-la-scommessa-di-renzi/ https://comunitadiconnessioni.org/editoriale/riorientarsi-nella-crisi/

Magri sui pericoli (per ora ignorati) del semestre bianco
https://www.huffingtonpost.it/entry/crisi-e-pandemia-come-arranca-la-nostra-vecchia-carta_it_600320a5c5b697df1a060ba6?utm_hp_ref=it-politica

Si continua qua e là, tra le varie propagande inevitabili in queste ore, a sostenere che esisterebbero soglie numeriche da raggiungere (chi dice 161, chi dice 158 sottraendo i senatori a vita, che però sono senatori come gli altri) per ottenere la fiducia, sotto le quali il Presidente della Repubblica potrebbe imporre le dimissioni di un Governo. L’unica soglia è che i Sì debbano superare i No e in quel caso il Presidente della Repubblica non ha affatto questo potere (come spiega bene Gentili sul Messaggero), le conseguenze da trarne spetterebbero solo al Presidente del Consiglio, che certo potrebbe fare altre valutazioni politiche sulla tenuta futura, cercando di superare prima possibile questa situazione niente affatto agevole, specie se si dovesse protrarre. Sono comunque numerosi non solo i precedenti in Italia (come ricorda oggi Salvini sul Fatto) ma anche i Governi in carica in Europa che in questo momento dispongono sono di una maggioranza relativa, sin dal voto di fiducia iniziale.
Basti qui ricordare 3 esempi.
In Spagna il Governo Sanchez si basa su 167 sì su 350, 9 in meno della maggioranza assoluta.
In Portogallo l’attuale Governo Costa è un monocolore socialista, in un Parlamento in cui il Ps ha 108 voti su 230, 8 in meno della maggioranza assoluta.
In Svezia il Governo Larsson ha avuto 115 sì su 349, 60 in meno della maggioranza assoluta.
Che poi per gli scostamenti di bilancio si debba avere una maggioranza assoluta è vero, ma chi si assumerebbe la responsabilità di essere decisivo nel bloccare spese destinate a precisi settori sociali che a quel punto insorgerebbero contro gli irresponsabili?
Quindi va ben tenuta ferma la legittimità politico-costituzionale che c’è dalle valutazioni strettamente politiche, che possono essere le più varie e che possono poi protrarre a esiti diversi, una volta superato positivamente il voto con una maggioranza relativa.



la prima recensione a John Courtney Murray “Noi crediamo in queste verità” (1960), riedito da Morcelliana con mia Introduzione, in libreria da domani, lunedì 18 gennaio
https://www.landino.it/blog/la-liberta-religiosa-problema-o-soluzione-rileggere-john-courtney-murray-oggi-per-superare-lanalfabetismo-di-ritorno-sulla-liberta-religiosa-di-teresa-bartolomei-

qui i riferimenti
http://www.morcelliana.net/ https://www.amazon.it/crediamo-queste-verit%C3%A0-Courtney-Murray/dp/8837234708




La mia agenda
https://stefanoceccanti.it/agenda/
Per ricevere via mail iscriversi qui:
https://wordpress.us17.list-manage.com/subscribe?u=4a0f6a739951cd8f1854e3956&id=b42a761815



LINK AGLI ARTICOLI DI OGGI
http://bit.ly/3oN8XNn

Recent Posts

Leave a Comment

Contatti

Scrivi una mail a stefano

Not readable? Change text. captcha txt