In Senza categoria

Qualche elemento in pillole sul voto tedesco rispetto al quale l’assegnazione dei seggi si può seguire qui
https://twitter.com/DecisionDeskHQ

e qui
https://twitter.com/EuropeElects

1-il numero dei parlamentari è variabile per consentire comunque a tutti i vincitori del collegio uninominale di entrare; ma da quando, in anni, recenti, si sono introdotti oltre ai seggi conquistati col proporzionale e quelli con l’uninominale anche i cosiddetti mandati compensativi per rispettare la proporzionalità, il numero tende a lievitare verso l’alto quasi senza limiti. E’ uno dei punti critici e discussi di rendimento del sistema;
2-si può entrare con un numero di seggi proporzionali ai voti anche se non si è preso il 5% purché si vincano tre collegi uninominali (caso Linke)
3- il sistema è fotografico e non selettivo, quindi il suo rendimento concreto, comunque lo si voglia valutare, è affidato all’evoluzione del sistema dei partiti: esso funzionava in modo scorrevole e immediato sulla formazione dei Governi quando i partiti erano quattro, tutti coalizzabili in modo chiaro (Spd con Verdi, Cdu-Csu con Liberali). Con un partito sicuramente non coalizzabile (Afd) e uno scarsamente coalizzabile (Linke) bisogna invece costruire lentamente una coalizione difficile e più eterogenea per superare la maggioranza. L’unico elemento strutturante chiaro che è rimasto, ma è tutto politico e convenzionale, non scritto nelle norme, è che nell’ambito della coalizione che si costruisce una cosa sola non si negozia: il Cancelliere lo fa quello indicato prima del voto dal partito con più seggi. E’ già qualcosa, ma non è molto rispetto al passato. Ci sarà molto tempo per negoziare e per capire. Intanto visto che la Merkel resterà al Consiglio europeo solo in prorogatio per vari mesi e che Macron è sotto elezioni, è bene che ai Consigli (e non altrove) continui ad andare Mario Draghi e che si stia attenti a prendere come riferimenti positivi sistemi che si limitano a fotografare i voti in seggi laddove il sistema dei partiti sia fragile.

Sulla Germania Valentino sul Corsera, Mastrobuoni su Repubblica, Campi sul Messaggero, Piller sul Qn, Rusconi sul Mattino e qui Mauro
https://www.huffingtonpost.it/entry/germania-il-giorno-in-cui-tutto-cambia_it_6150a8f6e4b0016411956e2b?utm_hp_ref=it-homepage

Fusani e Lavia su Germania-Italia (su cui anche Folli e Ciriaco su Repubblica, Conti sul Messaggero)
https://notizie.tiscali.it/politica/articoli/germania-voto-shock-per-salvini-meloni-fusani/

https://www.linkiesta.it/2021/09/elezioni-germania-politica-italiana-spd-cdu/

Bordignon su Ue-Germania (su cui Tito su Repubblica, Bresolin e Stefanini su La Stampa)
https://incroci-mattinopadova.blogautore.repubblica.it/2021/09/26/aaa-cercasi-leader-europeo-per-il-dopo-merkel/

https://wordpress.us17.list-manage.com/subscribe?u=4a0f6a739951cd8f1854e3956&id=b42a761815
Sul tema del cosiddetto patto con le forze sociali Barbera su La Stampa, Conte su Repubblica

Sui referendum Vassallo sul Domani

Il caso Morisi
https://www.huffingtonpost.it/entry/ci-ha-dato-la-droga-luca-morisi-indagato-inventore-della-bestia-di-salvini_it_615153eee4b01dff4b6f525a?utm_hp_ref=it-homepage

La mia agenda
https://stefanoceccanti.it/agenda/
Per ricevere via mail iscriversi qui:

Elenco aggiornato delle mie pubblicazioni (con i link per leggerle quasi tutte)
http://bit.ly/3sX4qKN


LINK AGLI ARTICOLI DI OGGI
https://bit.ly/3zKTEcO

Recent Posts

Leave a Comment

Contatti

Scrivi una mail a stefano

Not readable? Change text. captcha txt