In Senza categoria



 
Dossier Camera la valutazione dei Pnrr dei Paesi Ue
https://bit.ly/3wmxSKu 
 
Il resoconto della Seduta del Senato di oggi che ha deciso di calendarizzare in Aula il testo Zan per il 13
http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=hotresaula&part=doc_dc-ressten_rs 
 
Il testo base sul suicidio assistito approvato dalla Commissione Giustizia è leggibile qui:
https://bit.ly/3jNNAvD

qui una spiegazione del relatore Bazoli
Fine vita: Bazoli (Pd), testo riprende indicazioni Consulta

ZCZC4917/SXA XPP21187015521_SXA_QBXB R POL S0A QBXB Fine vita: Bazoli (Pd), testo riprende indicazioni Consulta (ANSA) – ROMA, 06 LUG – “Il testo base approvato oggi si limita a riprendere le condizioni e i limiti per l’accesso al suicidio assistito che la Corte costituzionale ha individuato nella sua sentenza del 2019, quando dichiaro’ incostituzionale l’art. 589 c.p., invitando il legislatore a intervenire con sollecitudine per approvare una disciplina compiuta. Ci arriviamo dopo un lunghissimo percorso istruttorio compiuto in commissione, iniziato oltre tre anni fa, che ci ha consentito di avere un enorme mole di informazioni, proposte e suggerimenti. Il voto di oggi rappresenta un punto di partenza, e non pregiudica in alcun modo ulteriori interventi di modifica, miglioramento e affinamento del testo in sede di valutazione degli emendamenti, nell’auspicio di poter trovare, come sempre abbiamo dichiarato, la piu’ larga condivisione in commissione e poi in aula”. Lo afferma il capogruppo dem in commissione Giustizia alla Camera e relatore della legge sull’eutanasia, Alfredo Bazoli. “Di certo – aggiunge il deputato dem – non e’ piu’ possibile tergiversare e ulteriormente rinviare il provvedimento, perche’ l’unico effetto sarebbe quello di lasciare un inaccettabile ruolo di supplenza ai giudici, come gia’ sta accadendo, posto che i pazienti che ritengono di rientrare nelle condizioni individuate dalla corte costituzionale si stanno rivolgendo ai tribunali per ottenere l’autorizzazione ad accedere al suicidio assistito. E’ nostro compito – conclude Alfredo Bazoli – a tutela e garanzia anzitutto dei malati e delle persone fragili, di disciplinare in modo compiuto una facolta’ che la sentenza della corte ha gia’ riconosciuto, fa gia’ parte del diritto italiano, e aspetta solo di trovare una cornice normativa coerente e adeguata ad evitare le incertezze e le incoerenze che il ricorso dei singoli ai giudici inevitabilmente produce”, conclude. (ANSA). FLB 06-LUG-21 18:30 NNNN
 

Recent Posts

Leave a Comment

Contatti

Scrivi una mail a stefano

Not readable? Change text. captcha txt